top of page
  • lifang60

Riconoscimento ed Esecuzione delle sentenze italiane in Cina




Le sentenze italiane possono essere riconosciute ed eseguite in Cina in virtù del Trattato tra la Repubblica popolare cinese e la Repubblica italiana sull'assistenza giudiziaria in materia civile (中华人 民共和国和意大利共和国关于民事司法协 助的条约) firmato nel 1991 ed in vigore dal 1995.


Secondo l'articolo 20 del Trattato, possono essere riconosciute ed eseguite in Cina:

  • Sentenze civili italiane

  • La parte relativa al risarcimento civile e alla restituzione dei beni nelle sentenze penali

  • Transazioni giudiziarie


Inoltre, secondo le nuove regole adottate dalla Corte Suprema del Popolo cinese nel 2022 anche le sentenze di fallimento possono essere riconosciute ed eseguite in Cina. Mentre le sentenze di casi di proprietà intellettuale, di concorrenza sleale e antitrust non possono essere riconosciuti ed eseguiti in Cina a causa delle particolarità legate all'elemento territoriale.


La domanda di riconoscimento deve essere presentata a un tribunale intermedio cinese del luogo in cui si trova il resistente o in cui si trova l'immobile oggetto di esecuzione entro due anni conteggiati dall'ultimo giorno del periodo di adempimento previsto nella sentenza italiana o da quando la sentenza italiana produce i suoi effetti se quest'ultima non prevede un termine di esecuzione. La domanda di esecuzione deve essere presentata entro due anni dal riconoscimento.

La domanda può essere avanzata anche dall'erede del creditore, come ad esempio la moglie, qualora quest'ultimo sia deceduto prima di richiedere il riconoscimento ed esecuzione della sentenza italiana in Cina.


Durante la procedura di riconoscimento ed esecuzione, i tribunali cinesi non esaminano se le sentenze italiane abbiano commesso errori nell'accertamento dei fatti e nell'applicazione della legge. Tuttavia, i tribunali cinesi possono rigettare il riconoscimento della sentenza italiana nei seguenti casi:

i. Il tribunale che ha emesso la sentenza non ha giurisdizione;

ii. L'imputato non ha ricevuto un'adeguata notifica del procedimento giudiziario o non ha ricevuto un'adeguata rappresentanza / difesa

iii. La sentenza è stata ottenuta con frode o corruzione;

iv. Il tribunale cinese si è pronunciato sulla stessa controversia tra le stesse parti, o ha riconosciuto al riguardo il giudizio di un Paese terzo;

v. Il riconoscimento e l'esecuzione della sentenza in questione violano i principi fondamentali delle leggi della Repubblica popolare cinese o la sovranità, la sicurezza e gli interessi pubblici dello Stato.

vi. Laddove la sentenza italiana stabilisca un risarcimento che superi significativamente la perdita effettiva, può essere negato il riconoscimento dell'eccedenza.

vii. Il tribunale cinese sta esaminando una causa tra le stesse parti sullo stesso argomento avviata prima di adire il tribunale italiano.


Non è impugnabile la sentenza cinese che rifiuta di riconoscere ed eseguire la sentenza italiana secondo i motivi sopra indicati.


Avv. Lifang Dong e Avv. Chiara Civitelli


Il contenuto di questo articolo non costituisce un parere legale, ma ha funzione informativa. Per una consulenza legale personalizzata, contattare lo studio all’ e-mail: info@dongpartners.eu o al telefono +39 06 916505710. © Dong & Partners International Law Firm, Tutti diritti riservati.


13 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page