Budget Law 2021: incentives for companies and investments in Italy

#growth #crescita #bilancio #investimenti #incentives #aiuti #italy #business

Photo source: vectorstock


After the severe blow inflicted on the world economy by Covid-19, Italy is preparing for recovery with the new Budget Law 2021 which strengthens and simplifies the current incentives for companies and startups and introduces new incentives to favor the merger between companies and the creation of new larger and more competitive corporate clusters. The measures introduced are the following.


1.New Sabatini: provision in a single solution of the financing for the purchase of capital goods for productive use (machinery, equipment, hardware and software)

In the past, the financing was disbursed in a single solution only for applications of less than 200,000 euros, while in other cases the financing was disbursed in 6 years installments. From 2021, applicant will be able to obtain financing in a single solution, regardless of the amount of the application. Therefore the limit of 200,000 euros is canceled.


2. Facilitations in issuing visas to family members of the holder of a start-up visa

The Startup Visa is a special self-employment visa granted to foreigners who intend to set up an innovative startup in Italy. The 2021 budget law simplifies the issuance of visas to family members of the holder of a startup visa with the same duration.


3. Agreements for innovation

The innovation agreements are signed by the Italian Ministry for Economic Development with the Regions, Autonomous Provinces, interested public administrations and proposers to support research, development and innovation projects. The 2021 Budget Law increases the Fund for sustainable growth by 100 million euros for each year from 2025 to 2035 to finance these agreements.


4. South bonus for the purchase of capital goods

The 2021 Budget Law extends the tax credit for investments in Southern Italy until 31 December 2022. The tax credit is granted for the purchase, also through financial leasing, of capital goods intended for production facilities located in the Regions of Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicily, Molise, Sardinia and Abruzzo. On August 6, 2020, the Italian Tax Agency clarified that the facility also applies when the asset is used outside the aforementioned regions as long as there is a functional connection with a production site located in Southern Italy.


5. Tax credit for research and development activities in Southern Italy

The 2021 Budget Law extends the tax credit for research and development activities in the Regions of Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardinia and Sicily for the period 2021-2022. The credit is assigned as follows

  • 25% for companies with at least 250 employees and a minimum annual turnover of 50 million euros

  • 35% for companies with at least 50 employees and with a minimum annual turnover of 10 million euros

  • 45% for companies with less than 50 employees and annual turnover not exceeding 10 million euros.


6.Merger Bonus

To stimulate the competitiveness of businesses, the 2021 Budget Law promotes corporate clusters through mergers or business transfers with a new tax incentive.

The subject resulting from the merger or the beneficiary of the business transfer is entitled to transform into a tax credit a portion of deferred tax assets (DTA) referring to tax losses and ACE surpluses (Help for Economic Growth) within the limits of 2% of the sum of the assets of the parties involved in the transaction.

Only the transactions approved from January 1 to December 31, 2021, involving companies that have been active for at least two years, can benefit from this facility for one time only. Intra-group transactions and transactions between companies linked by a stake of more than 20% are excluded.


7.Contributions for productive investments with high technological content

250 million euros per year are allocated for the three-year period 2021-2023, for contributions to investments in capital goods for productive use. The contributions will be paid 40% of the total cost of each investment and can be combined with other incentives up to a limit of 50% of each investment. The costs will be borne by the Revolving Fund for the implementation of the National Recovery and Resilience Plan (Next Generation EU-Italy) and will be managed by Invitalia SpA or by a company wholly owned by it.


8. Tax benefits for investments in Special Economic Zones (SEZs)

The company income tax resulting from carrying out activities in the SEZs is reduced by 50% from the tax period in which the activity began and for the six subsequent years. Access to the facility is conditional on the maintenance of the activity and jobs in the SEZ for at least 10 years.

Currently, SEZs in Italy are established in Calabria, Campania, in the Ionian area (Taranto-Basilicata), in the Adriatic area (Foggia-Molise), Abruzzo and Sicily.

The SEZs already offer additional benefits such as suspension of VAT and customs duties and administrative simplifications (for example for environmental and landscape authorizations, building permits and port state concessions).


9. Law 181/89, revitalization of areas affected by industrial crises.

The 2021 Budget Law increases the allocation of the Fund for Sustainable Growth by 140 million euros for the year 2021, by 100 million euros for the year 2022 and by 20 million euros for each of the years from 2023 to 2026 to finance actions aimed to increase industrial development and employment growth in areas affected by industrial crisis.


10. Development contracts in the tourism sector

The 2021 Budget Law reduces the threshold to access to development contracts from 20 million to 7.5 million euros for investment programs to be carried out in the internal areas of the country or for the requalification of disused building, with a minimum amount of the proposer's investment projects reduced to 3 million euros.

An additional 100 million euros for 2021 and 30 million for 2022 are allocated for development programs, concerning the processing and marketing of agricultural products accompanied by investments aimed at the creation, restructuring and expansion of facilities for hospitality, connected to the processing and marketing of agricultural products.


11. Subsidized loans for businesses seized or confiscated from organized crime

These loans are borne by the Fund for sustainable growth, which is increased by 20 million for the two-year period 2021-2022.


***

Legge di Bilancio 2021: gli incentivi per imprese e investimenti in Italia


Dopo il duro colpo inflitto all’economia mondiale dal Covid-19, l’Italia si prepara alla ripresa con la nuova Legge di Bilancio 2021 che potenzia e semplifica gli attuali incentivi per imprese e startup ed introduce nuove agevolazioni per favorire la fusione tra imprese e la creazione di nuovi agglomerati societari più grandi e competitivi. Le misure introdotte sono le seguenti.


1.Nuova Sabatini: erogazione in un’unica soluzione del finanziamento per l’acquisto di beni strumentali ad uso produttivo (macchinari, attrezzature, hardware e software)

In passato il finanziamento era erogato in un’unica soluzione solo per le domande di finanziamento inferiori a 200.000 euro, mentre negli altri casi il finanziamento era erogato in 6 annualità. Dal 2021 le imprese richiedenti potranno ottenere il finanziamento in un’unica soluzione, indipendentemente dall’importo della domanda. Viene quindi eliminato il tetto dei. 200.000 euro di finanziamento.


2.Facilitazioni nel rilascio del visto ai familiari del titolare di una start up visa

La Startup Visa è uno speciale visto di lavoro autonomo concesso agli stranieri che intendano costituire in Italia una startup innovativa. La legge di bilancio 2021 semplifica il rilascio di visti ai familiari del titolare di una startup visa con pari durata.


3.Accordi per l’innovazione

Gli accordi per l’innovazione sono sottoscritti dal Ministero per lo sviluppo economico con le Regioni, Province autonome, pubbliche amministrazioni interessate e soggetti proponenti per sostenere progetti di ricerca, sviluppo e innovazione. La Legge di Bilancio 2021 incrementa di 100 milioni di euro per ciascun anno dal 2025 al 2035 il Fondo per la crescita sostenibile destinato al finanziamento di tali accordi.


4.Bonus Sud per acquisto di beni strumentali

La Legge di Bilancio 2021 proroga fino al 31 dicembre 2022 il credito di imposta per investimenti nel Sud Italia. Il credito d’imposta è concesso per l’acquisto, anche tramite locazione finanziaria, di beni strumentali destinati a strutture produttive ubicate in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo. Il 6 agosto 2020 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’agevolazione si applica anche quando il bene è utilizzato fuori dalle suddette Regioni purché vi sia una connessione funzionale con una struttura produttiva sita nel Sud Italia.


5.Credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo nel Sud Italia

La Legge di Bilancio 2021 proroga per il periodo 2021-2022 il credito d'imposta per le attività di ricerca e sviluppo in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Il credito è riconosciuto

nella misura del 25% per le imprese con almeno 250 dipendenti e fatturato annuo minimo di 50 milioni di euro oppure il cui totale di bilancio è almeno pari a 43 milioni di euro,

nella misura pari al 35% per le imprese, con almeno 50 dipendenti e con fatturato annuo minimo di 10 milioni di euro

nella misura del 45% per le imprese con meno di 50 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro.


6.Bonus fusioni

Per stimolare la competitività delle imprese, la Legge di Bilancio 2021 promuove le aggregazioni aziendali attraverso operazioni di fusione, scissione o conferimento d’azienda con un nuovo incentivo fiscale.

Viene riconosciuto al soggetto risultante dalla fusione o incorporante o beneficiario del conferimento d’azienda il diritto di trasformare in credito d’imposta una quota di attività per imposte anticipate (deferred tax asset - DTA) riferite a perdite fiscali ed eccedenze ACE (aiuto alla crescita economica) nei limiti del 2% della somma delle attività dei soggetti partecipanti all’operazione di aggregazione.

Possono beneficiare di tale agevolazione, per una sola volta, solo le operazioni di aggregazione deliberate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021, cui partecipino imprese attive da almeno due anni. Sono escluse le operazioni infragruppo e quelle fra imprese legate da rapporto di partecipazione superiore al 20%.


7.Contributi per investimenti produttivi ad alto contenuto tecnologico

Vengono stanziati 250 milioni di euro l'anno, per il triennio 2021-2023, per contributi agli investimenti in beni strumentali ad attività produttive. I contributi saranno erogati per il 40% della spesa complessiva di ciascun investimento e cumulabili con altri incentivi nel limite del 50% di ciascun investimento. Le risorse saranno a carico del Fondo di rotazione per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Next Generation EU-Italia) e saranno gestite da Invitalia SpA o da una società da questa interamente controllata.


8.Agevolazioni fiscali per investimenti nelle Zone economiche speciali (ZES)

L’IRES derivante dallo svolgimento di attività nelle ZES è ridotta del 50% dal periodo d’imposta in cui è iniziata l’attività e per i sei periodi d’imposta successivi. L’accesso all’agevolazione è condizionato al mantenimento dell’attività e dei posti di lavoro nella ZES per minimo 10 anni.

Attualmente le ZES in Italia sono istituite in Calabria, Campania, nell'area Jonica (Taranto- Basilicata), nell’area adriatica (Foggia-Molise), Abruzzo e Sicilia.

Le ZES già presentano ulteriori agevolazioni come la sospensione dell’IVA e dei dazi doganali e semplificazioni amministrative (ad esempio per autorizzazioni ambientali, paesaggistiche, titoli edilizi e concessioni demaniali portuali).


9. Interventi di riconversione e riqualificazione produttiva delle aree di crisi industriale di cui alla legge n. 181 del 1989

La Legge di Bilancio 2021 incrementa la dotazione del Fondo per la crescita sostenibile di 140 milioni di euro per l’anno 2021, di 100 milioni di euro per l’anno 2022 e di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2023 al 2026 per finanziare i suddetti interventi.


10.Contratti di sviluppo nel settore turistico

La Legge di Bilancio 2021 riduce la soglia di accesso ai contratti di sviluppo da 20 milioni a 7,5 milioni di euro per i programmi di investimento che prevedono interventi da realizzare nelle aree interne del Paese o per il recupero e la riqualificazione di strutture edilizie dismesse, con un importo minimo dei progetti d’investimento del proponente ridotto a 3 milioni di euro.

Ulteriori 100 milioni di euro per il 2021 e a 30 milioni per il 2022 vengono stanziati per i programmi di sviluppo riguardanti l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli accompagnati da investimenti finalizzati alla creazione, alla ristrutturazione e all’ampliamento di strutture per servizi di ospitalità, connessi alle attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli.


11.Finanziamenti agevolati a favore di imprese sequestrate o confiscate alla criminalità organizzata

Tali finanziamenti sono a carico del Fondo per la crescita sostenibile, che viene incrementato di 20 milioni per il biennio 2021-2022 per questi interventi.


Dossier del Senato

dossier_stud_3230_10_1184332_357123
.pdf
Download PDF • 1.65MB

20 views0 comments
  • LinkedIn
  • Facebook
  • Twitter
  • Instagram
  • YouTube

DONG & PARTNERS | INTERNATIONAL LAW FIRM

Subscribe to our newsletters and keep posted on our latest updates

Copyright © 2019 Dong & Partners Law Firm | All Rights Reserved. 

VAT code 08672431007