top of page
  • lifang60

Hong Kong è stata aggiunta alla "lista grigia" dell'UE delle giurisdizioni fiscali non cooperative



Hong Kong è stata aggiunta alla "lista grigia" dell'UE delle giurisdizioni fiscali non cooperative (ultima edizione pubblicata il 5 ottobre 2021) a causa delle preoccupazioni sulla doppia non imposizione del reddito passivo.


Secondo l'Inland Revenue Ordinance, Hong Kong non tassa le plusvalenze, gli interessi o i dividendi, né i profitti o le entrate guadagnate offshore. Pertanto, le società sono esenti dal pagamento dell'imposta sul reddito derivante da fonti passive offshore sia nel paese o nella regione in cui viene generato sia a Hong Kong.

Il Governo di Hong Kong si è impegnato a modificare la legislazione fiscale entro la fine del 2022 e ad emanare misure attuative nel 2023 per soddisfare gli standard dell'UE.


Se Hong Kong non aggiorna la sua legislazione entro il 31 dicembre 2022, verrà spostata nella lista nera. Ciò potrebbe comportare l'applicazione di diverse misure difensive dell'UE, come l'aumento delle ritenute alla fonte e dei controlli.

Il contenuto di questo articolo non costituisce un parere legale, ma ha funzione informativa. Per una consulenza legale personalizzata, contattare lo studio all’ e-mail info@dongpartners.eu o al telefono +39 06 916505710. © Dong & Partners International Law Firm, Tutti diritti riservati





3 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page